A partire dal prossimo anno scolastico, presso il nostro istituto si darà avvio ad un nuovo percorso di studi: Costruzioni, Ambiente e Territorio (CAT) .

Grazie alle discipline studiate al CAT, i ragazzi saranno saranno in grado di  acquisire le giuste competenze per diventare professionisti competitivi a livello nazionale e internazionale.

Il corso di studi e’ suddiviso in due bienni e un quinto anno:

  • Il primo biennio è caratterizzato dalla presenza di insegnamenti di base quali: italiano, storia, geografia, matematica e lingua straniera e materie tecnico- scientifiche: chimica, fisica, disegno tecnico;
  • nel  secondo biennio e nell’ ultimo anno  si potenziano le materie professionalizzanti come estimo, topografia e scienza delle costruzioni.

L’istruzione tecnica coniuga il sapere con il saper fare, offrendo agli studenti delle competenze immediatamente spendibili nel mondo del lavoro.

La rapida e continua evoluzione della società influenza tutti i settori della produzione ed anche il mondo delle costruzioni che richiede profili e competenze sempre più specifiche per misurarsi con realtà competitive e complesse.

La figura del diplomato del CAT si colloca in questo scenario con le elevate conoscenze previste dal piano di studi ed è quindi in grado di far fronte ai profondi cambiamenti che interessano diversi settori come :

  • Il risanamento strutturale ed architettonico di edifici esistenti;
  • La salvaguardia paesaggistica e del territorio;
  • Il contenimento dei consumi energetici;
  • L’impiego delle fonti energetiche;
  • La sicurezza e la gestione dei cantieri edili.

Questi scenari operativi, accanto a quelli che storicamente sono propri del geometra, offrono al futuro diplomato del CAT ampie opportunità di ingresso nel modo del lavoro che ha sempre più bisogno di Tecnici in grado di intervenire con flessibilità e competenza.

Essere al passo con le nuove tecniche di costruzione, saper utilizzare tutti i nuovi mezzi informatici, essere pienamente consapevoli degli aspetti economici e normativi per operare nel rispetto dell’ambiente: queste sono le principali sfide del nuovo CAT.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *